Irritabile

21730883_10213944008775761_2931400019763130640_n

Irritabile. E non parlo del mio colon, che ha anche i suoi acciacchi.  Parlo proprio di me. Avevo aspettato con grande gioia settembre. Il settembre dei nuovi inizi, il settembre delle grandi prospettive. Tuttavia, mi sono resa conto che non mi va di ricominciare. Non mi va di rimettermi di nuovo in gioco per subire poi un’altra delusione. Vorrei rimanere qui, ferma, ma so che non mi fa bene e non è neanche nella mia indole. Dopo aver sognato in Italia che “Düsseldorf è la mia casa”, vengo qui e non ne sono così sicura. O, meglio, sì, questa è più casa mia di quanto lo sia l’Italia, probabilmente. Ma una casa non ce l’ho, non ce l’ho più, forse non l’ho mai avuta. Forse sono uno spirito libero, come mi hanno scritto recentemente su Facebook. Il guaio è che ho bisogno di continui stimoli e se non li ho mi sento persa o annoiata.

6

L’idea di ricominciare mi mette male, ma dovrò farlo, la vita è così. Probabilmente dovrò tirarmi su, da sola, come faccio sempre. Con la tedesca ho fatto pace, ma chissà. Forse è una pace finta, perché mi ha solo detto: “poi vediamo.” Ma vediamo che? Sono due mesi che non ci incontriamo! Il giorno del mio compleanno mi ha invitata al suo, di compleanno. Un invito da agosto per ottobre. Bene. Le ho solo risposto: “vedrò”. Ma so che darei l’anima per lei, quindi non mi sognerei mai di mancare il giorno del suo compleanno. In ogni caso, quando mi sono incontrata con le ragazze dello Stammtisch dopo essere tornata, ho pianto davanti ai suoi occhi e le ho detto Ich hab dich vermisst. E di conseguenza ho pianto davanti a tutte, che si saranno chieste: “Ma che è ‘sto dramma?” Ci ho fatto l’abitudine, ad essere drammatica. Quindi vedremo, faremo, scopriremo.

In compenso, a parte i drammi ho fatto un giro a Francoforte, che mi ha fatto un gran bene. Chiamo i miei viaggi “giri”, “viaggi” o “camminate ignoranti”. Cerco una città che possa interessarmi, prendo il FlixBus e via, leggo su internet cosa c’è da visitare in quella città. Mi segno tutti i luoghi di interesse. Se mi va bene riesco a vederli tutti. Il più delle volte, però, mi piace semplicemente vagare per la città. Perché se il posto mi ispira, ci arrivo automaticamente ai luoghi più importanti. Chissà perché.

A parte il viaggiare sono tornata battagliera. Ho una gran voglia di attivismo. Ho voglia di femminismo, ma che posso fare? Qui sembrano tutti morti. Del femminismo non ce n’è più bisogno? Secondo me sì, pure in Germania. In Italia di più, ma vabbè.
Per adesso meglio che mi chiuda nel mio mondo, fatto di sogni, libri, femminismo, gatti e cose carine e coccolose.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...